Melasma: che cos’è, causa e come curarlo

melasma
Shares

L’arrivo dell’autunno porta con sé tanti bei ricordi dell’estate, ma spesso porta con sé anche qualcosa di più fastidio: i danni alla pelle causati da un’esposizione al sole ed ad una protezione solare non sempre accurata. Tra i danni alla pelle causati dal sole più conosciuti vi è il melasma.

In questo articolo vedremo tutto ciò che riguarda questa patologia.

Che cos’è il melasma

Il melasma è un problema della pelle piuttosto comune. La condizione provoca macchie scure e scolorimenti sulla pelle. Viene anche chiamato cloasma, o “maschera gravidica”, quando si verifica nelle donne in gravidanza. La condizione è molto più comune nelle donne rispetto agli uomini, anche se anche gli uomini possono soffrirne. Secondo l’American Academy of Dermatology, il 90% delle persone che sviluppano il melasma sono donne.

Sintomi del melasma

Il melasma provoca macchie scure sulla pelle Le macchie sono più scure del tuo solito colore della pelle. In genere si verifica sul viso ed è simmetrico, con segni corrispondenti su entrambi i lati del viso. Anche altre aree del corpo che sono spesso esposte al sole possono sviluppare il melasma. Macchie di colore brunastro compaiono solitamente su:

  • guance
  • fronte
  • ponte del naso
  • mento

Può presentarsi anche sul collo e sugli avambracci. L’iperpigmentazione della pelle non provoca alcun danno fisico ovviamente, ma potresti sentirti imbarazzato per l’aspetto della tua pelle. Se noti questi sintomi di melasma, consulta il tuo medico. Potrebbero indirizzarti verso un bravo dermatologo, il professionista più indicato per trattare questo tipo di problema.

Cause e fattori di rischio del melasma

Non è del tutto chiaro cosa causi il melasma. Gli individui con la pelle più scura sono più a rischio di quelli con la pelle chiara. Anche la sensibilità agli estrogeni e al progesterone è associata a questa patologia Ciò significa che le pillole anticoncezionali, la gravidanza e la terapia ormonale possono scatenare il melasma. Si ritiene che anche lo stress e le malattie della tiroide siano cause del melasma.

Inoltre, l’esposizione al sole può causare il melasma in quanto i raggi ultravioletti colpiscono le cellule che controllano il pigmento (melanociti).

Come viene diagnosticato il melasma?

Un esame visivo dell’area interessata è spesso sufficiente per diagnosticare il melasma. Per escludere cause specifiche, il tuo medico potrebbe anche eseguire alcuni test.

lampada-di-wood-melasma
Melasma rilevato con la lampada di Wood.

Una tecnica di prova è l’esame della lampada di Wood. Consente al tuo medico di verificare la presenza di infezioni batteriche e fungine e di determinare quanti strati di pelle colpisce il melasma. Per verificare eventuali gravi condizioni della pelle, potrebbero anche eseguire una biopsia. Ciò comporta la rimozione di un piccolo pezzo della pelle interessata per il test.

Il melasma è curabile?

Per alcune donne, il melasma scompare da solo. Ciò si verifica in genere quando è causato da gravidanza o pillola anticoncezionale.

Ci sono creme che il tuo medico può prescrivere che possono schiarire la pelle. Potrebbero anche prescrivere steroidi topici per schiarire le aree interessate. Se questi non funzionano, sono possibili opzioni di peeling chimici, dermoabrasione, microdermoabrasione e laser. Questi trattamenti eliminano gli strati superiori della pelle e possono aiutare a schiarire le macchie scure.

Queste procedure non garantiscono che il melasma non ritorni e alcuni casi di melasma non possono essere completamente trattati. Potrebbe essere necessario tornare per visite di follow-up e attenersi a determinate pratiche di trattamento della pelle per ridurre il rischio che il melasma ritorni. Questi includono ridurre al minimo l’esposizione al sole e indossare la protezione solare ogni giorno.

Affrontare e vivere con il melasma

Sebbene non tutti i casi di melasma si risolvano con un trattamento medico/professionale, ci sono cose che puoi fare per assicurarti che la situazione non peggiori e per ridurre al minimo l’aspetto dell’iper pigmentazione. Questi includono:

  • utilizza un fondotinta ad alta coprenza
  • prendendo i farmaci prescritti
  • indossando la protezione solare tutti i giorni con un SPF 30 o superiore
  • indossando un cappello a tesa larga che protegge o fornisce ombra per il tuo viso

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.