Piercing chiuso: che faccio?

riaprire-piercing
Shares

Farsi un nuovo piercing è una sensazione eccitante. A volte, però, se rimuovi i gioielli e il foro del piercing non è adeguatamente curato, il tuo piercing può chiudersi, il che significa che il foro rigenera il tessuto che cresce sopra il piercing rendendo impossibile l’inserimento dei gioielli.

Piuttosto che guarire attorno al sito della lesione, i tessuti cicatriziali chiudono il condotto e i due lati della pelle si toccano, bloccando l’apertura perforata originaria.

In sostanza, il foro del piercing scompare e la pelle che una volta era sede di piercing torna ad essere relativamente normale, con l’aggiunta di tessuto cicatriziale. Se la chiusura del foro del piercing è accidentale, tuttavia, c’è speranza che possa essere riaperta. Per fermare il problema prima che accada, però, è importante calcolare quanto tempo passi senza i gioiellini e prendersi cura regolarmente del proprio piercing, anche mesi o anni dopo averlo fatto.

Quanto tempo ci vuole perché un piercing si richiuda?

Quanto tempo impiega il piercing per chiudersi dipende da svariati fattori. Cambia da corpo a corpo – e persino da piercing a piercing. In generale, più un piercing è vecchio e consolidato, più tempo ci vorrà per chiudersi e guarire. Se si tratta di un piercing nuovo di zecca, rimuovere il gioiello potrebbe farlo chiudere in poche ore. Durante il periodo di guarigione, i gioielli fungono da confine per mantenere la pelle in una forma specifica mentre viene rigenerato nuovo tessuto.

Se rimosso, quel tessuto ricrescerà sulla sede della perforazione. Questo vale per i piercing che non sono completamente guariti, il che richiede circa sei mesi. Tuttavia, anche un piercing più vecchio non ti mette al sicuro da un’eventuale chiusura. La rimozione di un gioiello può sembrare non causare danni poiché l’area è guarita; tuttavia, sebbene il piercing possa essere completamente modellato e il tessuto ricresciuto attorno ad esso, il foro non è permanente. Piercing estremamente vecchi, come quelli fatti durante l’infanzia o decenni fa, possono anche richiedere molto tempo per chiudersi senza gioielli.

Indipendentemente dalla ricerca, il corpo di ognuno è diverso, quindi non esiste una vera scienza su quanto tempo impiegherà un piercing a chiudersi. La regola generale è che più a lungo il gioiello è stato inserito, più tempo ci vorrà per chiudere, anche se comunque corri il rischio che accada davvero ogni volta che rimuovi i gioielli.

Puoi riaprire il piercing?

Se il piercing sembra essere completamente chiuso, non c’è modo di riaprirlo da solo: spingere dentro i gioiellini si tradurrà in una ferita sanguinante e aperta e forse in un’infezione. Tuttavia, c’è la possibilità che un piercing “chiuso” sia effettivamente solo parzialmente ri-chiuso. Un sottile strato di pelle potrebbe essere cresciuto sul foro, lasciando il foro appena sotto di esso.

Se ritieni che il tuo piercing sia solo parzialmente chiuso, cosa che in genere accade solo non appena inizia a chiudersi, puoi provare a riaprirlo manualmente. È imperativo che se provi questo, però, non provi a forzare un perno attraverso la pelle, poiché ciò romperà la pelle e causerà una nuova ferita sanguinante.

Se non riesci a rimettere i tuoi gioielli dentro dopo una doccia calda, non forzare: vai da un professionista rispettabile.

Per tentare una riapertura delicata del foro, bagnalo con acqua tiepida in un bagno o una doccia per ammorbidire la pelle. Usando un unguento delicato come la vaselina, allunga delicatamente il lobo dell’orecchio verso il basso e ai lati per tentare di aprire il foro. A questo punto, prova a spingere un piccolo perno attraverso il foro; se non entra, non forzarlo. Tuttavia, se lo fa, tieni il perno dentro per alcune settimane per assicurarti che il foro sia completamente riaperto prima di inserire un nuovo gioiello.

Come prevenire la chiusura di un buco

Le persone che vogliono essere sicure che il foro del piercing non si chiuda mentre non indossano gioielli, indipendentemente dal fatto che tu scelga di non indossarli o non puoi indossarli per un lungo periodo di tempo, non c’è un vero modo per evitare il problema senza indossare gioielli.

L’obiettivo è mantenere il “tunnel cicatriziale” aperto e per non traumatizzare nuovamente l’area, il che potrebbe indurla a chiudersi con più tessuto cicatriziale. Si consiglia di tenere sempre un piccolo perno nella sede del piercing e di ruotarlo regolarmente, utilizzando un prodotto come Eucerin Aquaphor o vaselina per la sua lubrificazione.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *