Olio di Neem: cos’è e come si usa

benefici-olio-di-neem
I rimedi naturali hanno sempre più successo negli ultimi tempi, visto il crescente bisogno di cure ecosostenibili e prive di sostanze chimiche. Uno di questi rimedi è quello dell’olio di Neem. Scopriamo di cosa si tratta e a cosa serve.

 Olio di Neem: a cosa serve

L’olio di Neem deriva dalla spremitura di una pianta, l’Azadirachta Indica, molto utilizzata dalla medicina ayurvedica, tanto che il suo nome viene da quello della divinità indiana Neemari. Possiede numerose proprietà: dai benefici per la pelle a quelli per denti e gengive, è utile anche per la salute delle piante e si rivela un ottimo antiparassitario ed antimicotico, anche contro i funghi delle unghie e del cuoio capelluto.

Olio di Neem: l’ideale per la pelle problematica

Diversi sono gli impieghi dell’olio di Neem sulla pelle: può essere utilizzato da chi soffre di eczema o di psoriasi, così come da chi ha l’epidermide secca che necessita di essere lenita. Questo olio si rivela inoltre molto indicato per chi soffre di acne.

L’olio di Neem per combattere l’acne

Sull’acne di origine batterica e non ormonale (per cui necessitano cure specifiche) l’olio di Neem agisce molto bene in quanto possiede un principio attivo simile all’acido acetilsalicilico (da cui si ricava anche la comune Aspirina) che combatte i batteri dei brufoli e allo stesso tempo non risulta comedogeno, ma anzi diminuisce anche l’infiammazione e il rossore.

Efficace contro l’eczema

Restando nell’ambito dell’impiego sull’epidermide, l’olio di Neem è perfetto anche per alleviare gli eczemi dalle diverse cause, proprio perché possiede proprietà antinfiammatorie e numerosi acidi grassi che aiutano anche a nutrire la pelle e a ripararla (grazie ai suoi notevoli effetti riparatori sulle cellule).

Ottimo come rimedio anti età

Chi di solito utilizza costose creme antiage potrà di certo apprezzare l’alternativa molto più economica, ma ugualmente efficace, dell’olio di Neem come antietà. Il suo contenuto in Vitamina E ed acidi grassi lo rende infatti ottimo come antiossidante, con la conseguenza di ritardare la comparsa delle rughe ed agire anche come scudo all’inquinamento.

Capelli forti e lucenti con l’olio di Neem

L’olio di Neem è molto efficace anche per la bellezza e la salute dei capelli. Usato come olio esclusivo risulta risolutivo contro la pediculosi dei bambini, mentre miscelato ad altri oli (come ad esempio quello di cocco o di mandorle) può risultare molto utile contro i capelli sfibrati e senza vigore. Basta anche un’applicazione settimanale prima dello shampoo, come impacco.

La forfora diventa un ricordo con l’olio di Neem

Oltre a nutrire i capelli, l’olio di Neem purifica il cuoio capelluto e lo libera dalla forfora, proprio in virtù delle proprietà antinfiammatorie che possiede. Uno shampoo a base di olio di Neem bilancia, inoltre, il ph cutaneo.

Contro i funghi per la salute delle unghie

Un’altra caratteristica tipica dell’olio di Neem è quella di risultare un potente antimicotico, soprattutto contro i funghi delle unghie. Contro l’onicomicosi basterà infatti aggiungere due gocce di olio di Neem, magari insieme con olio di Melaleuca, per combattere facilmente l’infezione.

Denti e gengive sani e protetti

I denti e le gengive sono altre parti del corpo che trovano giovamento dall’utilizzo dell’olio di Neem. Con poche gocce di questo olio aggiunte al comune dentifricio o all’acqua del risciacquo i denti saranno più bianchi e forti, e le gengive più sane. Perfetto anche per contrastare l’herpes labialis.

Antiparassitario per animali, piante e giardini

L’olio di Neem si rivela, infine, straordinario per eliminare i parassiti dal corpo degli animali domestici (cani e gatti) o dei cavalli. Zecche, pulci ed altri insetti, infatti, odiano l’odore di questo olio. In commercio esistono anche spray a base di olio di Neem che possono essere spruzzati sui tessuti, in casa, a questo scopo, ma anche sulle piante, in giardino, per tenere lontani i più comuni parassiti.

Olio di Neem: controindicazioni ed effetti collaterali

Pur essendo generalmente ben tollerato, è bene non utilizzare l’olio di Neem in gravidanza o se si è sviluppata un’ipersensibilità verso questa sostanza (sempre meglio provare prima su una piccola parte di epidermide).

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *