Moda donna: come proteggersi dal freddo

cappelli-invernali
Shares

Quando arriva l’inverno il freddo è uno dei principali nemici per la nostra salute. Prendere freddo alla testa può provocare numerosi fastidi che possono protrarsi per intere giornate. Per questo il pubblico femminile è alla costante ricerca di buoni cappelli invernali e berretti da donna, pronti a proteggere dalle basse temperature e dalla pioggia, ma senza dimenticare l’importanza dello stile.

Ne avevo già parlato nell’articolo Al calduccio ma stilose durante la stagione fredda, ma oggi voglio soffermarmi sulla questione cappelli e berretti per l’inverno.

La scelta del materiale

Al momento di acquistare un nuovo cappello la prima caratteristica da considerare è il tessuto. Un buon tessuto deve essere resistente e pronto a sopportare senza problemi numerosi lavaggi. Un cappello di bassa qualità rischia di rovinarsi dopo poco tempo. Meglio puntare su qualcosa che possa sopportare diverse stagioni.

L’altro fattore da considerare è la capacità di tenere la testa al caldo. Un buon berretto invernale deve essere il più possibile isolante, così da proteggerci efficacemente dal freddo. La lana è tra le scelte migliori. Mantiene la testa al caldo, e ci aiuta a non disperdere il calore. Altre opzioni possono essere i cappelli in maglia.

Infine un tessuto di qualità deve anche essere a prova di irritazioni, così da non provocare dei fastidiosi pruriti.

I modelli migliori per l’inverno

Alcuni modelli sono più adatti per l’inverno, perché permettono di riparare la testa dal freddo. Un esempio sono i cappelli a tesa larga, tra i più interessanti dal punto di vista stilistico. I cappelli a tesa larga risultano molto raffinati, e sono perfetti per chi vuole un accessorio con cui completare i propri outfit più eleganti. Oltre che dal freddo possono essere una buona soluzione anche contro le leggere piogge autunnali. Esistono vari design, da quelli più classici alle opzioni più moderne e all’avanguardia.

Per chi cerca delle opzioni di gran classe non bisogna dimenticare il basco. Può essere un ottimo abbinamento per chi preferisce un abbigliamento elegante, ma senza sottovalutare la comodità. Copre molto bene la testa, e fa da scudo contro temperature più basse.

Quando invece si esce durante la giornata, per andare al lavoro o per vedere gli amici, si può indossare un comodo berretto. Di solito i berretti sono realizzati con la lana, e riescono a proteggere sia dal freddo che dall’umidità. Inoltre si tratta di un copricapo molto comodo, da indossare in ogni tipo di contesto. Per una vacanza in montagna è davvero indispensabile.

I colori più consigliati

Per un abbigliamento curato in ogni dettaglio non bisogna riflettere solamente sul tipo di cappello e sulla sua forma, ma anche sul colore. Un buon cappello invernale può appartenere alla stessa palette del nostro outfit, o al contrario può contrapporsi al resto dell’abbigliamento, con un colore differente e pronto a fare bella mostra di sé.

Il nero è un colore valido in ogni situazione, noto proprio per la sua versatilità. Un cappello nero può essere indossato sia con gli outfit più sportivi e informali, sia con quelli più eleganti e adatti alle grandi occasioni.

Altre alternative per dei cappelli invernali sono i colori caldi, con variazioni sulle tonalità di rosso e giallo. I colori più tenui sono molto apprezzati, per questo non è raro acquistare dei cappelli con tonalità pastello.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.