Come evitare i colpi al neonato nel sonno con la treccia paracolpi

donnaedintorni
Shares

Il momento del sonno è fondamentale per i neonati che passano la maggior parte dei loro primi giorni di vita riposando continuamente. Accertarsi che lo facciano in sicurezza è molto importante per i neo genitori, i quali possono concentrarsi sullo svolgimento di altre attività senza la preoccupazione di eventuali incidenti che potrebbero verificarsi.

Che il piccolo venga adagiato all’interno di una carrozzina o di una culla, ciò che serve per far sì che riposi tranquillo senza pericoli è un paracolpi che possa attutire qualunque spostamento brusco del bambino. Tra gli innumerevoli presenti in commercio vi consigliamo in particolare la Treccia paracolpi di cui tratteremo proprio in questo articolo, così da guidarvi nella scelta di quella più adatta alle vostre esigenze e necessità.

Dove acquistare la miglior treccia paracolpi?

Le trecce paracolpi ed i vari strumenti per l’infanzia possono essere acquistati sia fisicamente in negozi specializzati, che online su e-commerce dedicati al mondo dei bebè. Il nostro consiglio, in termini di convenienza e rapporto qualità/prezzo, è quello di proseguire all’acquisto online. In particolare vi consigliamo di dare un’occhiata alla treccia paracolpi in vendita su Spio. Questa può essere utilizzata sia per proteggere il bambino mentre dorme nella culla o nella carrozzina, sia quando è in giro nel suo passeggino.

Paracolpi, cos’è ed a cosa serve

Il paracolpi, indipendentemente dalla forma che presenta, è un elemento imbottito che può essere realizzato da una serie di cuscini situati all’interno di un rivestimento. Quest’ultimo può essere rimosso e lavato con accuratezza, per far sì che l’igiene del prodotto e del bambino rimanga intatta.

Il paracolpi è caratterizzato dalla presenza di fissaggi che consentono di ancorarlo alla culla, alla carrozzina o al passeggino, così che il neonato presenti una sorta di protezione dalle sbarre laterali. In tal modo si evita anche che il piccolo possa incastrarsi con mani e piedi all’interno delle stesse.

La treccia paracolpi è realizzata con materiali naturali e le rispettive imbottiture presentano delle caratteristiche antisoffoco e traspiranti, così da poter essere utilizzata sin dai primi giorni di vita senza mettere a rischio la salute o la vita del neonato. È raccomandata persino da pediatri e specialisti, soprattutto per queste caratteristiche. Per quanto possa sembrare superfluo l’utilizzo di un paracolpi verso il primo anno di vita del piccolo, ci teniamo a precisare che la sua utilità può trovare impiego nell’impedire al bambino di scavalcare la culla per scendere.

Tipologie di paracolpi

Sebbene non vi siano differenze enormi tra un modello e l’altro, le tipologie di paracolpi presenti in commercio sono numerose e si diversificano l’un l’altra principalmente per l’altezza e la lunghezza che le caratterizza.

Nella scelta e nell’acquisto di una treccia paracolpi è opportuno adattare il prodotto alle esigenze del proprio bambino. Se questi tende ad essere particolarmente vivace ed a muoversi molto, anche durante il sonno, è opportuno considerare la scelta di un paracolpi più lungo.

Come scegliere la miglior treccia paracolpi

Adesso che siete a conoscenza della sua utilità, prima di procedere all’acquisto di una treccia paracolpi è importante analizzare i vari fattori che influiscono sulla scelta. Vediamo di seguito di quali si tratta nel dettaglio.

Materiali

È risaputo ormai che i bambini hanno la pelle particolarmente delicata, motivo per cui nella scelta e nell’acquisto di un paracolpi è fondamentale evitare prodotti realizzati con materiali sintetici, preferendo invece quelli naturali provenienti da coltivazioni biologiche.

In tal modo si evita la comparsa di eruzioni ed irritazioni cutanee. Preferendo paracolpi di cotone o bambù si acquistano prodotti di ottima qualità privi di sostanze chimiche ed irritabili. Per accertarvi la composizione dei materiali di cui sono formati, è fondamentale che leggiate l’etichetta presente sul prodotto.

In tal senso vi consigliamo la scelta di un’imbottitura sintetica o realizzata in cotone, con proprietà anallergiche e priva di schiuma. La scelta del materiale, tuttavia, non si basa soltanto su quanto siano privi di allergeni. È importante che il rivestimento sia in grado di tenere al caldo il neonato durante il periodo invernale ed al fresco durante quello estivo.

Dimensioni

Uno dei fattori più importanti da considerare nella scelta della treccia paracolpi migliore è proprio la dimensione della stessa. È infatti indispensabile che sia della stessa misura della culla, della carrozzina o del lettino nella quale verrà fissata. Fortunatamente la maggior parte dei modelli presenti in commercio è universale e si adatta a diverse misurazioni, ma sarebbe comunque opportuno accertarsi che il modello che si intende acquistare sia effettivamente adeguato alle proprie esigenze.

Evitate l’acquisto di paracolpi eccessivamente grandi, in quanto potrebbero causare un soffocamento al piccolo. Anche quelli piccoli possono rivelarsi dannosi, poiché lasciano scoperte delle potenziali zone di rischio. Il paracolpi migliore dovrebbe essere in grado di non lasciare alcuno spazio, occupare il perimetro della culla ed estendersi al di sotto del materasso, così che il neonato non possa scivolare al di sotto di esso.

Sicurezza

Uno degli aspetti di cui si tiene più in considerazione nell’acquisto di un qualunque prodotto per neonati è la sicurezza che è in grado di garantire. Per quanto riguarda il paracolpi, ideato appositamente per impedire ai bambini di urtare contro il perimetro di culle, lettini e carrozzine, è indispensabile che rispetti le normative di sicurezza.

Un paracolpi sicuro lo si riconosce dalle seguenti caratteristiche: è anallergico, antiacaro, antisoffoco, traspirante ed antibatterico. In particolare la proprietà antisoffoco impedisce al piccolo di respirare regolarmente anche nei casi in cui il prodotto dovesse sganciarsi, mentre quelle antibatteriche ed anallergiche proteggono il suo sistema immunitario ancora poco sviluppato.

Una delle normative di sicurezza afferma che i lacci per fissare il paracolpi non devono essere lunghi più di 20 cm, tanto meno dotati di accessori ingeribili. Prima di acquistare un qualunque paracolpi accertatevi dunque che sia conforme alle direttive UE e che sia realizzato con materiali naturali.

Prezzo

Non esiste un prezzo univoco che accomuna tutti i paracolpi presenti in commercio, in quanto lo stesso dipende da una serie di fattori. La qualità dei materiali, le dimensioni, la presenza di prodotti o accessori anallergici ed antibatterici ecc. sono caratteristiche che influiscono in maniera decisiva sul prezzo finale.

A tal proposito è possibile suddividere i paracolpi in diverse categorie a seconda della fascia di prezzo, dalla più economica alla più costosa. Dato che si tratta di un prodotto indispensabile per la salute e la sicurezza dei vostri piccoli, vi consigliamo di non risparmiare proprio in termini di sicurezza e qualità.

In linea generale, comunque, affermiamo che il prezzo di una treccia paracolpi e di un paracolpi in generale varia da un minimo di €20 ad un massimo di €40.

Pulizia

Uno degli aspetti spesso sottovalutati nell’acquisto di un paracolpi riguarda la pulizia del prodotto. Entrando a diretto contatto con la pelle del bambino, in particolare con mani, occhi e piedi, è importante che il dispositivo venga regolarmente igienizzato.

Prima di acquistare un qualunque paracolpi accertatevi che sia dotato di una fodera che è possibile rimuovere e lavare in lavatrice, così da assicurarvi che venga pulita nel miglior modo possibile. Il lavaggio in lavatrice è pratico soprattutto per coloro che non hanno molto tempo a disposizione e che necessitano di poter riutilizzare il prodotto il prima possibile.

Dal momento che non tutti i modelli presenti in commercio sono dotati di fodera sfoderabile è opportuno affermare che con l’acquisto di un paracolpi non sfoderabile è necessario considerare le dimensioni, l’ingombro ed il peso dell’oggetto per comprendere se è adatto al lavaggio in lavatrice o se necessita di quello manuale.

La scelta è ovviamente individuale e varia a seconda delle esigenze del compratore, nonché del tempo che ha a disposizione e del budget che intende spendere.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.