Il trucco delle dive: il makeup di Cara De Levigne

trucco-cara-de-levigne-makeup

Puntuale come ogni mese arriva l’appuntamento con il trucco delle dive, la rubrica in cui vado ad analizzare il makeup di alcune dive tra soubrette, attrici, cantanti e via dicendo, mettendone in evidenza le caratteristiche ed i prodotti usati. Oggi la mia scelta è caduta su Cara De Levigne. Classe 1992, la maggior parte di voi la conoscono per la carriera da modella, che adesso è stata abbandonata per quella cinematografica. Occhi penetranti, naso piccolo, mento sfuggente ed un look che in generale la fa assomigliare ad una ragazzina un po’ maschiaccio perennemente abituata a giocare all’aperto.

Ciò che rende altamente riconoscibile il makeup di Cara De Levigne, sono sicuramente le sopracciglia folte in perfetto stile boy brows, che contribuiscono a conferirle quel suo tipico aspetto androgino ed un po’ da ragazzino. Come abbiamo detto nell’articolo in cui abbiamo parlato delle boy brows, questo tipo di sopracciglia contribuiscano a dare a chi le indossa, un aspetto più giovane e fresco.

Per gli occhi abbiamo invece uno smokey eyes per i quali sono è stata usata una palette dai colori nude. Gli ombretti nude hanno il vantaggio di star bene a tutti e nelle tonalità del marrone enfatizzano il celeste di chi ha gli occhi chiari. Raramente la vedremo indossare una linea di eyeliner definita o colori differenti dal marrone-bronzo.

Trucco Cara de Levigne: altre foto del suo makeup
Trucco Cara de Levigne: altre foto del suo makeup

Niente contouring per Cara de Levigne grazie ad un incarnato dorato e perfetto di grande bellezza a cui viene aggiunto solo un po’ di fard rosato sulle guange.

Le labbra sono, nel 90% delle foto che la ritraggono, caratterizzate da tonalità nude, in versione sheer o lucida, il cui contorno non è nettamente definito dalla matita, ma anche in questo caso lasciato il più morbido possibile. Raramente e solo per determinati set fotografici, la vedremo indossare un rossetto scuro o nelle tonalità del rosso.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *