Tour Andalusia in 5 giorni: una guida “quasi” ragionata

andalusia2017

Mi piacerebbe scrivervi un reportage in stile diario di viaggio di quelli che potete trovare sui travel blog seri, ma questo è un beauty blog e quindi vi propongo una guida “quasi” ragionata (ed anche un po’ bionda). In questa guida passerò di palo in frasca, vi darò informazioni sparpagliate e leggerete quello che vorrete, tanto si sa che su internet la gente non legge mai tutto!

Premessa

Il nostro tour dell’Andalusia in 5 giorni è stato un viaggio, fly and dry, ma se non vi spaventa l’organizzazione hardcore potete anche fare un viaggio fly and train.

Dove si trova l’Andalusia

L’Andalusia si trova nel sud della Spagna e si estende fino a Gibilterra. Se te lo stai chiedendo: si, fa molto caldo, anche considerando la vicinanza con il Marocco. Ad agosto ci siamo goduti “medie” di 35° gradi ed una punta di 40° a Siviglia. Se stai per aggiungere “Si tratta di caldo secco?” ti dirò: non sempre! Malaga per esempio è stata molto afosa.

Andalusia in 5 giorni: il nostro tour

Qui di seguito vi ho riportato le tappe del nostro tour.

  • Atterraggio a Malaga dove abbiamo trascorso la prima notte.
  • Noleggio auto e spostamento in direzione Siviglia dove abbiamo passato 2 notti.
  • Spostamento a Cordoba dove abbiamo passato la 4^ notte
  • Spostamento a Granada dove abbiamo passato la 5^ notte
  • Spostamento ad Alicante (che non si trova in Andalusia) per la parte terminale del nostro viaggio.

Andalusia in 5 giorni: cosa vedere.

Non ti scrivo qui cosa vedere in Andalusia, perchè su internet a partire da Tripadvisor trovate già moltissimo materiale in merito. Se poi siete maniaci del cartaceo qui a fianco vi ho messo una guida molto valida della Lonely Planet.

Tutte le foto del nostro viaggio le potete vedere sul mio profilo Instagram.

5 Giorni in Andalusia: consigli e curiosità.

E qui arriva la parte meno ragionata, quella a casaccio, quella ruota libera. Ricordi e cose strane recuperate a caso dalla memoria.

  • In Spagna ai semafori non avete il lavavetri che vi chiede l’euro. Avete il punk abbestia che pretende di intrattenervi malamente con qualche prodezza di giocoleria
  • La Sangria, che fa tanto Spagna, è molto per turisti. Se volete entrare un po’ più nel mood dell’Andalusia chiedete un “vin tinto de verano”, che è praticamente la stessa cosa ma senza tutta quella frutta.
  • Se il vostro albergo non offre la colazione o la offre a prezzi poco politici, andate in qualsiasi bar e provate una tostada con jamon iberico. Si tratta di un pane molto croccante tostato (simile alla baquette per consistenza) con un trito sottile di pomodoro fresco ed il tipico prosciutto spagnolo affettato al coltello. Potete accompagnarlo con un cafè con leche, che di fatto è un cappuccino, ed anche se l’abbinamento vi fa accapponare la pelle, vi assicuro che non è poi così male.
  • In Spagna tra giovani non ci si stringe la mano e semmai ci si scambia due baci. Ti “skippano” la stretta di mano e ti danno i due baci direttamente. Attenzione che in Spagna si comincia dal lato sinistro, ve lo dico giusto per non aggiungere imbarazzo su imbarazzo.
  • In molte località che abbiamo visitato l’acqua deve essere pesantemente depurata e ciò comunque non le toglie un odore molto poco buono, tipo di acqua sulfurea. Il risultato è che spesso lenzuola ed asciugamani degli alberghi, anche se freschi di bucato, abbiamo un odore poco gradevole. Abbiate pazienza!
  • Il lunedì, no matter what, molte attrazioni turistiche sono chiuse. Fate attenzione quindi a come organizzate le vostre visite.
  • A Siviglia andate assolutamente a La Carboneria un misto tra sagra e peggiori bar di Caracas dopo potete ascoltare il flamenco a gratis, i prezzi sono molto più che politici e la signora che serve le tapas maneggia indistintamente soldi e cibo. Qui la scheda Tripadvisor
  • Se avete in programma di visitare l’Alambra di Granada prenotate la vostra visita con molte settimane di anticipo. Va sold out in un batter d’occhio.
  • In ognuna delle città che abbiamo visitato c’era sempre qualche castello o fortificazione risalente alla dominazione araba in Andalusia: visitatele tutte sono sempre bellissime e dotate di giardini spettacolari.
  • Se nella “to eat list” avete messo il gazpacho date una chance al Salmorejo cordobés un piatto tipico di Cordoba, molto simile al precedente ma più saporito.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *