Quale abito da sposa per un matrimonio civile ?

collezione-sposa-2016-1

Le nozze civili generalmente richiedono abiti più sobri e semplici rispetto alle nozze in chiesa, ma molto dipende dal mood del ricevimento. Ogni sposa fa una scelta diversa e si va dal rito nel salone del comune a quello sotto l’archetto di fiori sulla spiaggia.

Per un ricevimento di mattina piuttosto semplice e familiare l’ideale è un abito da sposa corto, magari con la possibilità di aggiungere un gonnellone scivolato per giocare su lunghezze diverse. Ma se il matrimonio si svolge di sera ed in un giardino, dove gli sposi si reciteranno le promesse sotto l’archetto di fiori, un vestito da sposa scivolato è l’ideale.

Molti sono i modelli adatti ad un rito civile, ma fondamentale è che la linea esalti la figura e che sia perfettamente in sintonia con lo stile della donna che lo indossa. Affidarsi a professionisti competenti nella realizzazione su misura è la scelta migliore, quella che ci garantisce che il modello sia il più adatto al nostro corpo ed allo stile che preferiamo, oltre a darci la possibilità di rientrare nel budget di spesa stabilito.

Ateleba Sposa a Napoli è una realtà sartoriale che da oltre vent’anni si occupa della realizzazione su misura di abiti da sposa e la competenza del team di professioniste che sono a disposizione della cliente copre non solo la scelta e creazione del vestito, ma tutta la mise completa. La creativa, Elena Barba, può effettuare un preciso studio di immagine per ogni sposa che ne fa richiesta, personalizzando in maniera esclusiva accessori come il velo da sposa, il bolerino e l’acconciatura. Questi verranno poi prodotti dalle mani esperte di ricamatrici, sarte e modiste dell’azienda stessa e misurati insieme al vestito per controllarne la perfezione.

Scelti i tessuti ed i dettagli dell’abito si procede con la prima fase della lavorazione: lo studio della corporatura della cliente e la messa a misura del telino di prova. In questa fase la cliente può verificare se la scollatura scelta è quella giusta ed eventualmente richiederne modifica, mentre la premiere, che mette a misura il telo, si occupa di segnare i punti dove posizionare stecche e possibili correzioni.

Si passa poi alla fase della messa a misura vera e propria del vestito, che una volta cucito nelle parti essenziali, viene ricamato con perle, cristallo e madreperla. La cliente alla seconda prova indossa l’abito quasi completo e gli accessori scelti e si provano i passi ed il portamento.

La terza ed ultima fase riguarda solo un controllo, che viene fatto all’incirca 15 giorni prima della data del matrimonio, per assicurarsi che le misure della sposa non siano cambiate. Viene spiegato come indossare l’abito il giorno del matrimonio e si danno piccoli ma fondamentali suggerimenti sul come tenerlo a casa fino al momento di indossarlo.

Se questo articolo ti ha aiutato a chiarirti le idee per la scelta del tuo abito da sposa allora non puoi perderti il nostro articolo sul trucco sposa.

 

 

Commenti

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *