Metallic Cupid’s bow: ci piace!

metallic cupid'sbow

Con il termine cupid’s bow si intende l’arco di cupido ovvero il tipico arco formato dal labbro superiore. Nella storia, quella recente almeno, uno degli archi di cupido più celebri fu quello di Clara Bow attrice del cinema muto, che “nomen omen” aveva il cupid’s bow che poi sarebbe diventato iconico per quanto riguarda il trucco anni ’20.

Oggi parliamo di cupid’s bow in chiave moderna. Quella che vado a presentarvi è una nuova tendenza, ancora poco vista per la verità, che ho notato su Pinterest. Si tratta del cupid’s bow messo in evidenza da una linea esterna al labbro, in contrasto con quello che è il colore del rossetto.

Questa tecnica da il meglio di se quando il rossetto è mat e la linea esterna che presenta un finish metallico. Quindi in definitiva vi servono: un rossetto scuro o medio, una matita abbinata ed un eyeliner o matita metallica. Evitate invece i rossetti lucidi o troppo cremosi affinchè rossetto e linea esterna non si fondano, perdendo la bellezza di questo effetto data per lo più dalla definizione. Se non riuscite proprio ad evitare il gloss, per lo meno applicatelo sono al centro del labbro.

Le più impavide ed abili potrebbero abbinarlo con delle labbra effetto ombre.

Se non avete il labbro superiore perfettamente depilato o se avete qualche rughetta intorno al contorno labbra, mi dispiace ma dovrete evitare questa tecnica. Se a questo punto ti è venuto il dubbio che il makeup che indossi sia quello che effettivamente ti dona di più, ti consiglio un mio vecchio articolo: “Te piacerebbe: makeup che non ti puoi permettere!

Se invece il vostro contorno labbra è perfetto, vi consigliamo di fare comunque un check labbra per verificare di avere le labbra perfettamente curate, in modo tale di enfatizzare ulteriormente la bellezza di questa tecnica.

Come sempre noi di Donna e Dintorni qui sopra potete trovare una piccola inspiration gallery per fare il pieno di idee da copiare o punti di partenza da sviluppare secondo la vostra fantasia.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *