Make up mistakes: errori ed orrori durante l’applicazione del trucco – Parte 6-10

Continuiamo l’approfondimento legato agli orrori legati al mondo del trucco con altri 5 make up nightmares.

6) Usare un fondotinta molto più scuro per creare un abbronzatura caraibica. Pensate che l’abbronzatura sia fantastica? Ed allora avanti con un fondotinta più scuro! Lasciando mani, orecchie e collo bianchi, senza dimenticare il fantastico stacco di tonalità sul limite della mandibola. Non si fa, punto. Per creare un effetto abbronzato potete farvi una lampada, usare un autoabbronzante od usare un bronzer ovvero una terra abbronzante in punti specifici del viso. Una piccola polemica: se il vostro corpo è refrattario all’abbronzatura non sarebbe forse meglio assecondarlo? La vostra pelle vi ringrazierebbe.

7) L’effetto “reverse panda”. Ovvero quell’effetto per cui il correttore sotto gli occhi è molto più chiaro del resto della base. Questo espediente può essere attuato “moderatamente” utilizzando un correttore “leggermente” più chiaro sulle occhiaie, con l’intento di sollevare lo sguardo se non siete esattamente più una bambina.  Limitatevi quindi al “moderatamente”.

Good-Beauty-Gone-Bad-10-pg-full

8) Il contorno labbra più scuro del rossetto. E’ volgare punto. La matita deve essere utilizzata per delimitare le labbra e per creare una base duratura per il rossetto. Se proprio volete potete usare una matita più scura sfumandola verso l’interno per creare un effetto tridimensionale e donare volume alle labbra.
MakeUp-Mistakes-Image

9) Non pensiate che il vostro make up sia eterno. Prendetene atto: la pelle si ingrassa, si suda e si mangia, si beve e si chiacchera. Agite di conseguenza. Quindi: primer sulle palpebre e fissatore spray su tutto il viso. Cipria opacizzante e rossetto in borsetta per i ritocchi. Eyeliner se la matita vi sbava. Ombretto in polvere al posto di quello in crema se avete la pelle grassa ed anche il primer non basta

10) Occhio alla quantità. E qui potremmo parlarne per ore: troppo fondotinta, troppo blush, troppo gloss, mascara a grumi. Ricordate che meno è meglio. Non è la quantità che fa di un make up un bel trucco, ma lo studio e la cura dei dettagli.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *