Esfoliazione: consigli ed errori da evitare

errori-esfoliazione-scrub

Le quattro settimane necessarie per il completo ricambio delle cellule garantiscono l’incessante attività di rinnovo del derma verso l’esterno della cute.

Soltanto una buona esfoliazione dello strato superficiale, con lo stesso ritmo mensile, può mantenere sempre libera l’epidermide dalle cellule non più vitali favorendo l’ossigenazione dei tessuti, un colorito luminoso e uniforme nonché un ottimale assorbimento dei trattamenti di bellezza. Attenzione però, è un’operazione che va effettuata con estrema delicatezza, per non intaccare anche le cellule vive, attraverso il mantello idrolipilico.

Tra gli errori da non commettere ricordate di non insistere troppo con il guanto di crine, soprattutto se asciutto (anche rispetto alla pratica del dry brushing). Se è vero che la mancanza di peeling può provocare peli incarniti (specie nelle gambe) è anche vero che ci esagera ottiene solo una pelle irritata.

Un peeling troppo energico e frequente sul viso, provoca la comparsa di macchie disidratate e nel tempo un invecchiamento precoce.

Scegliete le formule peeling più dolci senza seguire altro calendario che non sia quello della vostra pelle: fatelo quando la pelle è opaca e ruvida.

Sul viso il peeling dovrebbe interessare le zone più grasse e non quelle delicate, come il contorno occhi.

Ricordatevi sempre di idratare e ammorbidire abbondantemente la cute dopo il peeling o lo scrub.

Ricordatevi che qualsiasi prodotto effetto scrub, se usato sulla pelle asciutta ha un maggior potere esfoliante, per tanto è indicato per le zone dove la pelle è più robusta come sui piedi, gomiti e ginocchia, mentre su pelle umida risulta più delicato.

Non pensate che l’esfoliazione riguardi solo viso e corpo. Avete mai fatto uno scrub mani? Vi basterà un generoso cucchiaio di crema idratante liquida, due cucchiai di zucchero di canna (ottimo per l’esfoliazione in quanto ricco di acido glicolico) e magari qualche goccia di olio di argan. Massaggiate questo scrub su tutte le mani insistendo sulle zone in cui tendenzialmente la pelle è più secca come le nocche o le cuticole intorno alle unghie. Lasciate in posa se lo desiderate per un’azione idratante ancora più profonda e quindi risciacquate. Vedrete avrete delle mani morbidissime!

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *