Curriculum Brutti: storia di un “Le faremo sapere”.

curriculum-brutti

Se avete sempre attribuito il fallimento dei vostri invii curriculum “alla crisi” o al fatto che siete “troppo o troppo poco qualificati”, nel dubbio leggetevi questo articolo. Il mondo del lavoro è un mostro che vi mangia, vi mastica per bene e poi vi risputa malconci. Meglio allora avere qualche freccia in più al vostro arco. In questo articolo vedremo 4 elementi chiave che potete migliorare, che vi faranno avere qualche chance in più rispetto agli altri.

Curriculum Brutti: graficamente

Parlare di curriculum brutti graficamente vuol dire molte cose. Può significare un curriculum con 3 tipi diversi di font, può voler dire non sapere come disporre la punteggiatura e gli spazi (ovvero virgola spazio nuova parola e NON parola spazio virgola nuova parola). Può significare una vostra brutta foto, una foto dove magari avete ritagliato il vostro viso in una foto fatta in discoteca. Curriculum brutto a volte vuol dire semplicemente usare il modello del curriculum europeo quando le vostre competenze nell’ambito dell’impaginazione professionale vi consentirebbero di impaginare un curriculum capace di spiccare tra decine di concorrenti.

Curriculum brutti: lo “spensierato”.

I curriculum brutti di tipo spensierato sono quelli con errori di battitura se non addirittura di grammatica. Quelli in cui non avete verificato se il numero di telefono o l’email che avete lasciato come vostri recapiti, sono corretti. Quelli in cui per indicare il numero di telefono di casa non utilizzate la dicitura “Telefono Fisso” ma la formula “Casa Mamma”. Giuro ho visto un curriculum così, non me lo sto inventando! Essere spensierati in questo senso vuol dire, anche, inviare un curriculum ad un freelance, pensando di rivolgervi ad un’azienda solo perchè non avete fatto un minimo di indagine a riguardo.

Curriculum Brutti: il “superdotato”

Il curriculum brutto e super dotato è il classico curriculum da 6 pagine, magari con carattere grande 13 punti ed interlinea tra i paragrafi alta 3 cm. Il tutto per stupire l’head hunter che dovrebbe analizzare il vostro curriculum. Head hunter che invece salterà a piè pari il vostro curriculum per preferire un curriculum più essenziale e che vada dritto al punto.

Curriculum Brutti: il metodo “del pescatore”

Nel mondo della pesca esiste la tecnica del “pasturare”. La tecnica del pasturare consiste nel gettare un po’ di cibo/mangime sulla superficie dell’acqua di un laghetto nella speranza che qualcosa, qualsiasi cosa, abbocchi quando poi lanciate il vostro amo.

Applicata al mondo dei curriculum brutti, la tecnica del pasturare coincide con inviare decine di curriculum sempre uguali per candidarvi a lavori anche molto differenti tra loro. INVECE il vostro curriculum dovrebbe essere sempre personalizzato sulla base della candidatura per la quale lo state inviando. In altre parole se, per esempio state inviando un curriculum per un annuncio di lavoro riguardante un posto come impiegata/o, evitate di mettere nel curriculum quella volta in cui avete fatto l’animatrice turistica o la banconiera da Mac Donald, e mettete nel curriculum solo le esperienza formative e professionali pertinenti.

Allo stesso modo la lettera di presentazione che accompagna il curriculum, dovrebbe essere personalizzata in base alla candidatura per la quale vi state proponendo, citando il nome dell’azienda, la mansione per la quale vi state candidando ed alcuni buoni motivi per i quali siete la persona giusta, il tutto senza essere lecchini o stucchevoli e soprattutto evitando le classiche forme in stile “predisposizione al lavoro di gruppo” o altre frasi altamente inflazionate. Qui sotto vi riporto un esempio.

Gentile Azienda XY

in relazione al Vostro annuncio relativo alla ricerca di un’impiegata amministrativa, allego alla presente il mio curriculum vitae. Ho già svolto per un periodo di due anni questa mansione.

Sono una persona responsabile e versatile, imparo velocemente le nuove procedure legate alla mansione assegnatami.

Augurandomi un Vostro interesse porgo

Cordiali Saluti

Nome Cognome

Se ti è piaciuto questo articolo non perderti il video la vostra immagine su Linkedin

Ti potrebbe anche interessare

2 commenti

  1. Ciao Laura, complimenti per l’articolo, sono d’accordo su tutto. Io mi occupo di correzione e scrittura di curriculum vitae e penso che quando se ne scrive uno bisognerebbe dimostrare lo stesso impegno e la stessa precisione che si metterebbero nel lavoro che stiamo cercando. Se presentiamo un cv compilato con superficialità, condito di errori e di sviste, non trasmettiamo di sicuro l’immagine di una persona attenta e responsabile 😉

    1. Grazie Mara, mi fa piacere ti sia piaciuto l’articolo. E complimenti per il servizio che offri, ce n’è più bisogno di quello che si creda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *