Combattere la cellulite: quando serve l’intervento di un esperto.

combattere-cellulite

Con l’arrivo dell’estate molte donne si trovano a dover fare i conti non solo con i kili di troppo ma anche con l’antiestetica e fastidiosa cellulite. Tipicamente negli ultimi mesi che precedono giugno si inizia con olio anticellulite, tisane diuretiche, fanghi riducenti e sedute estenuanti di attività fisica allo scopo di eliminare i liquidi in eccesso e dimenticandosi che la cellulite va soprattutto prevenuta attraverso una regolare ed intensa idratazione, attività fisica regolare e dieta equilibrata soprattutto povera di sale.

Esistono vari livelli di cellulite, che possono andare da un’accennata pelle a buccia d’arancia, fino alla comparsa di veri e propri cuscinetti localizzati soprattutto su glutei e cosce. Quando le pratiche che abbiamo descritto sopra non sono più sufficienti, è bene rivolgersi a dei professionisti siano essi il chirurgo estetico o l’estetista.

Tra i tipi di trattamenti professionali che stanno riscuotendo il maggior successo c’è la mesoterapia estetica. I pro di questo trattamento sono molti: richiede una seduta solo dai 10 ai 30 minuti, non richiede l’ospedalizzazione, non richiede tempi recupero o anestesia ed i risultati sono visibili dopo 3 settimane.

La mesoterapia estetica è uno dei pochi trattamenti contro la cellulite dai benefici scientificamente dimostrati. Non ha un costo eccessivo ma se avete paura degli aghi dovrete trovare una bella dose di coraggio.

Ma vediamo in cosa consiste un trattamento di mesoterapia estetica. Il trattamento, che può essere effettuato sia su viso che sul corpo consiste nell’iniettare nella parte da trattare, dopo averla disinfettata, una composizione di sostanze pensate specificatamente per la condizione da trattare. L’iniezione avviene con una siringa o con appositi dispositivi di iniezione assistita. Il mix di sostanze utilizzate si realizza miscelando sostanze simpaticolitiche, linfotoniche, antibiotiche, vasoattive o omeopatiche.

Dopo il trattamento chi si è sottoposto ad una seduta di mesoterapia dovrà bere moltissima acqua per eliminare le tossine ed in un’ottica depurativa evitare anche alcolici e nicotina.

Gli unici effetti collaterali di questo trattamento sono la comparsa di rossori o di lievi ematomi.

E’ giusto comunque ricordare che la mesoterapia dovrebbe essere evitata dalle persone con malattie cutanee, problemi di coagulazione o circolatori, allergie, cancro o malattie infettive. Stesso dicasi per le donne che stanno allattando o in gravidanza.

Interventi più blandi ma che comunque possono mostrare chiaramente una certa efficacia sono i massaggi linfodrenanti e la pressoterapia, entrambi trattamenti che vanno ripetuti per diverse sedute. Se soffrite di capillari fragili o evidenti sarebbe comunque preferibile lasciare perdere la pressoterapia.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *