Capelli ricci: 5 consigli per ravvivarli ed averli sempre al top

capelli-ricci

I capelli ricci possono essere croce e delizia per una donna: bellissimi da vedere e morbidi al tatto quando sono impeccabili, risultano però troppo spesso di cura non semplice. Mantenere il riccio ravvivato e ben definito è infatti una delle sfide della cosmetica tricologica odierna, senza contare che bisogna sempre stare attente all’umidità e all’effetto crespo. Qui di seguito vi diamo dunque cinque dritte per ravvivare i vostri ricci ed averli sempre al top.

1) La prima cosa da fare per sfoggiare ricci fluenti ed elastici è quella di partire dalla detergenza. Il rituale deve essere il seguente: shampoo specifico per capelli con onde, balsamo nutriente e condizionante, e maschera anticrespo 1 volta alla settimana. Evitate shampoo troppo aggressivi o a base di sole sostanze chimiche.

2) In secondo luogo sappiate che un trattamento capelli ravviva ricci rappresenta un’ottima soluzione per avere onde morbide e definite. Oggi in commercio esistono dei prodotti privi di ammoniaca e di perossido di idrogeno che consentono risultati davvero fantastici.

3) Il terzo consiglio riguarda l’asciugatura: mai con getto diretto ma sempre con l’aiuto di un diffusore. Inoltre sarebbe bene che la temperatura non risulti troppo calda, almeno per i primi minuti. Evitate, poi, di toccare i vostri ricci con le mani quando procedete all’asciugatura. Per lo styling, infine, ricorrete a spume prive di siliconi.

4) Resistete alla tentazione di vedervi lisce: il capello riccio è completamente diverso da quello liscio, più delicato e fragile: ricorrere a stirature chimiche o piastrature selvagge rischia solo di indebolire la vostra chioma, creando danni difficilmente riparabili.

5) Un ultimo consiglio riguarda la frequentazione di un buon salone, in cui affidarsi a mani esperte. Un bravo professionista sa, infatti, come prendersi cura di una capigliatura riccia ed utilizza sempre i prodotti più adatti a risolvere qualsiasi problematica di crespo o di taglio sbagliato.

Commenti

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *