Come abbinare il rossetto a quello che berrai: un post serissimo!

girl-1064664_960_720

I livelli di preparazione di una donna in vista di un appuntamento, magari di un primo appuntamento possono essere molteplici.

  • La spensierata. E’ così contenta di uscire che non pensa ad altro, ma per l’occasione si truccherà pure (!?!)
  • La normcore. Fa del suo meglio per presentarsi bene in modo da avere la coscienza pulita.
  • La feticista della propedeutica. Per lei tutto deve essere perfetto e nulla può essere lasciato al caso.

E’ proprio a questa ultima categoria che è dedicato questo post. Per le maniache del controllo, in questo post vi insegneremo a scegliere il rossetto in base a quello che avete intenzione di bere. Un post serissimo!

Se sei una tipa da gin lemon ti puoi permettere anche un rossetto cremoso: tanto berrai con la cannuccia (vero???) e quindi il quantitativo di rossetto perso sarà veramente minimo. Non occorre che vi dica io che il rossetto cremoso è l’antitesi perfetta della frase “anti traccia”.

Se sei una tipa da vino (come me) hai due possibilità. La vera regina dei ghiacci in questo caso può scegliere tra il rossetto matte antitraccia o il rossetto cremoso. Con il rossetto cremoso dovete essere un po’ più eleganti: una leggera traccia di rossetto è sexy, l’idea che abbiate sgozzato qualcuno con il bordo del bicchiere no! Oppure potete provare questo trucco: leccate il bordo del calice! In questo modo il velo di saliva non vi farà lasciare tracce di rossetto. Non è fantastico? Fa niente se uno stuolo di estranei vi guarderà interessato mentre leccate con fare equivoco un calice.

Una postilla sul rossetto e vino. Fate attenzione quando è rosso, perchè alcuni tipi di vini, tipo il Cabernet che sono ricchi di tannini, potrebbero lasciarvi un antiestetico alone violaceo all’interno delle labbra. Nel dubbio quindi rossetto scuro!

Se siete tipe da birra… uscite da questo beauty blog! Io mi auguro che almeno sceglierete la birra alla spina e utilizziate tutte le precauzioni indicate per il vino. Attenzione alla schiuma: se vi finisse sull’arco di cupido, mai e poi mai vi venga in testa di toglierla con la punta della lingua! Ci sono i tovagliolini!

Passiamo ora all’amaro. Insomma, uscita dopo cena, voi siete delle donne concrete e prendete uno Jägermeister senza alcuna velleità pink. Qui avete due possibilità: o l’infallibile sopracitato rossetto matte oppure il lucidalabbra. Si proprio il lucidalabbra. A fine amaro il lucidalabbra si sarà quasi completamente disperso: metà l’avrete bevuto e l’altra metà avrà lasciato una Sindone invisibile sul bicchiere. A fine bevuta avrete le labbra completamente struccate e si spera che il ganzo dall’altra parte del tavolo colga subito questa “fortuita” casualità.

Se invece siete tipe da analcolico:

  • bicchiere ampio: rossetto matte
  • bicchiere ampio con cannuccia: rossetto cremoso o lucida labbra
  • bicchiere stretto stile flut: stai bevendo un Prosecco (ottima scelta) ma devi tornare al paragrafo sul vino

I migliori rossetti da regina dei ghiacci che ho provato infallibili qualsiasi cosa berrete.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *