6 Errori ed orrori da non fare sotto la doccia.

errori-sotto-la-docci

Il gesto della doccia è così radicato nella nostra routine quotidiana che non pensiamo richieda particolari attenzione. Invece sotto la doccia possiamo commettere un sacco di errori sia per quanto riguarda i rituali di bellezza sia per quanto riguarda strettamente igiene personale. In questo articolo vedremo quali errori e spesso orrori potete commettere sotto la doccia.

  1. Il balsamo sulla cute. Il balsamo tipicamente contiene delle sostanze molto oleose ideale per idratare la lunghezza dei capelli ed in particolare le punte. Il cuoio capelluto e le radici dei capelli sono naturalmente “oliate” grazie alla presenza del sebo. Evitate quindi di applicare il balsamo suo capelli onde evitare di appesantire l’intera capigliatura.
  2. Prima di mettervi in doccia spazzolate i capelli. Questo non solo ne faciliterà la pulizia ma eviterà che lo scarico della doccia si intasi di capelli già morti che si staccano durante il lavaggio.
  3. Non pettinate i capelli da bagnati. I capelli bagnati sono più fragili e pettinarli in questa condizione significa sicuramente romperne e strapparne di più.
  4. Evitate l’acqua troppo calda. Soprattutto se avete i capillari fragili, soffrite di cellulite o di pressione bassa.
  5. Lavate ed asciugate sempre bene il rasoio. In questo modo eviterete che tra le lame che lo compongono si infilino sporcizia e germi, che potrebbero causarvi in caso di taglio una piccola infezione.
  6. Anche se ci hanno insegnato che fare una doccia ogni giorno, è un bell’atto di cura di se stessi non c’è la necessità di fare la doccia ogni giorno sopratutto in inverno. Mentre altre aree del nostro corpo vanno lavate ogni giorno, la schiena, il petto e le gambe non hanno bisogno di essere lavati più di due giorni a settimana. Questo perchè lavare ogni giorno completamente il nostro corpo e magari farlo con saponi aggressivi va ad indebolire il film idrolipidico che serve a proteggere oltre che la nostra pelle, anche tutto il nostro organismo dagli attacchi esterni.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *