6 cose che le donne odiano al primo appuntamento

first-date

Nell’era di internet non è poi così raro organizzare un primo appuntamento con qualcuno conosciuto su Facebook o su un sito di incontri. Questi “first date” possono essere dei successi inaspettati oppure viceversa dei completi fail, in ogni caso anche se non dovesse scattare la scintilla al primo sguardo questi, cari maschietti, sono le cose che le donne odiamo al primo appuntamento.

Arrivare in ritardo. Se è vero che un imprevisto può capitare a tutti è anche vero che arrivare in ritardo al primo appuntamento e magari non avvertire è un pessimo inizio. Partite con un po’ di anticipo quindi e tenete a bada gli inconvenienti.

Fissare la cameriera, o qualsiasi altra ragazza in sala. Anche se vi siete appena conosciuti farvi beccare mentre fissate il sedere ad ogni ragazza che passa accanto al vostro tavolo, è un ottimo modo per andare a ridurre drasticamente le possibilità di successo.

Non pagare. Fermi tutti so quello che state per dire cari maschietti, quello che sto per dire non significa che debba essere sempre l’uomo a pagare, ma almeno per il primo appuntamento e soprattutto se non avete organizzato un incontro in un ristorante 5 stelle, sarebbe meglio offrire voi.

Non tutte le ragazze fanno sesso al primo appuntamento, ma nell’ipotesi di imbattervi in una di queste ragazze fatevi trovare preparati. Scegliete con cura l’intimo uomo che avete addosso, l’igiene personale e , cosa molto gradita non dimenticate i preservativi.

Non mollare lo smartphone. Siamo nell’epoca del “perennemente connessi” in cui lo smartphone è omni presente nelle nostre vite. Al primo appuntamento con una ragazza magari togliete la suoneria ed evitate di mandare sms di continuo o peggio di chattare su altre ragazze su Whatsapp.

Parla con lei, non a lei. Anche se sei “un animale socievole” e durante un appuntamento hai mille cose da raccontare a chi sta davanti, ricordati che devi parlare con lei e non a lei. Lascia spazio quindi alla persona con cui stai uscendo e non preoccuparti le tue storie risulteranno comunque interessanti.

Ti potrebbe anche interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *